NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA

NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA
C'ERA UNA VOLTA

lunedì 2 marzo 2015

IL CIELO A CASA MIA


Nella mia casa ci sono due stanze, due lettini, una piccola finestra e un gatto bianco.

Nella mia casa mangiamo solo la sera quando il babbo torna a casa con il sacchetto

 di pane e pesce secco.

Siamo tutti poveri ma il mio babbo ha gli occhi azzurri, la mia mamma ha gli occhi azzurri,

mio fratello ha gli occhi azzurri, io ho gli occhi azzurri e anche il gatto ha gli occhi azzurri. Quando siamo seduti a tavola, nella nostra casa sembra ci sia il cielo.




Il mare in un cassetto




Ho una conchiglia nel mio cassetto e dentro ci sento il mare quando me la metto all'orecchio.

Allora questa estate, dato che il mio babo è disoccupato, e non siamo andati al mare, io ho fatto il mare sul mio terrazzo con l'acqua in una bacinella e ci ho messo dentro la sabbia che era dentro a un vaso di fiori della mamma.

Quando è caldo metto i piedi dentro la bacinella, poi chiudo gli occhi e mi metto la conchiglia all'orecchio:

mi sembra di stare al mare.


I Miei Genitori

La mia mamma è sempre in movimento.
Riesce a fare tante cose: bada alla casa, prepara gustose cenette, si prende cura di noi, ci segue anche nei compiti, spesso trova anche il tempo di giocare con noi.
Quando la vedo indaffarata, cerco di aiutarla: preparo la tavola, ripongo i giocattoli,
preparo la cartella e controllo che non manchi nulla per il giorno dopo.
A volte, nel desiderio di aiutarla, combino dei guai.
La mamma, che è comprensiva, quasi sempre mi perdona, a volte perde la pazienza e mi sgrida, ma quasi subito se ne pente e mi abbraccia forte.
Il mio papà lavora tanto. Si alza presto al mattino, ed esce di casa quando noi tutti ancora dormiamo. Non pranza mai con noi, solo il fine settimana.
Quando torna, le prime ore del pomeriggio, io e mio fratello gli corriamo incontro
per salutarlo, felici di rivederlo.
Mentre siamo a tavola, gli raccontiamo le vicende della giornata.
Spesso alziamo un pò troppo il tono della voce, tutti e due vogliamo parlare perchè abbiamo tante cose da dire. 
Il papà ci invita alla calma e ci ascolta, anche se preferirebbe concedersi un pò di riposo perchè è stanco per il lavoro della giornata.