NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA

NONNA RACCONTAMI UNA FAVOLA
C'ERA UNA VOLTA

mercoledì 20 luglio 2016

SCARAMACAI: Vado a pesca

Fuori scorreva un fiumicello.
"Se provassi a pescare?" pensai. " Con uno spillino potrei fare l'amo, con una stringa delle scarpe il filo. Un bastone lo troverò".

Di li a poco ero seduto sulla riva del fiumicello.
Era buio pesto, c'era un gran silenzio e dovevo stare bene attento a non addormentarmi per non cadere nell'acqua.
Per stare sveglio pensavo alla cavallerizza Pulsatilla che a quell'ora dormiva.
poi, si sa come fanno i pensieri, che dopo uno ne viene un altro completamente diverso, cominciai a pensare ai pesci.
La pesca è un inganno, dicevo fra me e me, un inganno che si fa ai pesciolini.
Butti giù l'amo con attaccate le cosine buone, i pesciolini credono che tu gli dica: - favorisca, prego, mangi pure -, e invece tac, restano attaccati all'uncino, pronti per andare in padella.
Ma quando uno ha fame non può stare a fare tanti complimenti, al massimo chiede scusa ai pesciolini.
io poi ho anche la coscienza a posto perchè pesco senza inganno: attaccato all'amo non c'è nessuna cosina buona, perchè se l'avessi la mangerei io insieme al mio amico Patroclo e lascerei stare tutti i pesci...
Oh ecco, sento che il filo si muove, un pesce ha abboccato; per favore pesce, sii gentile, non scappare... tiro...
Eccolo, guardate come luccica nell'oscurità.... infatti è un luccio!!
Adesso lo friggo subito, ne mangio metà, e metà la tengo per Patroclo, quando si sveglia.
Non c'è nemmeno bisogno di lavarlo: è stato nell'acqua fino ad ora!!
-Pietà!-
-Chi ha parlato? Chi ha detto pietà con quella vocina sottile?-
- Sono io, il luccio... Scaramacai pietà!
-Senti, luccio, io capisco che cosa vuoi, però scusami, io devo friggerti in padella.-
-Ma la padella scotta!-
A sentire che era così intelligente, che sapeva che la padella scotta, provai una gran simpatia per il luccio. Lui che aveva capito che i pesci mi fanno compassione, insisteva più che mai perchè lo ributtassi nell'acqua.
Diceva: - Pensa che ho il babbo sott'olio, in una pizzicheria del centro e la mamma ammalata.
Io sono il più grande di sette fratelli.
-Chissà come staranno piangendo adesso!- gli feci eco io.
-Figurati! pensa che non sanno ancora nuotare!-
-Capisco, povero luccio, hai ragione anche tu... Però ho ragione anche io.. Come si fa quando si ha ragione tutt'e due?-
-Ributtami nell'acqua e io ti farò un regalo. Ricordati di gettare ancora l'amo..
Regalo o non regalo non potevo più resistere alla commozione e feci fare un bel volo al luccio che ricadde nell'acqua e scomparve.
Calai di nuovo l'amo e dopo qualche secondo sentii che qualcuno, certamente il luccio aiutato dai suoi fratellini, ci aveva attaccato qualcosa.
Tirai con grande fatica e vidi venire a galla una cassetta gocciolante: era piena di scatole di zuppa di piselli in polvere, buttata nel fiume da qualche signore.
Corsi da Patroclo, lo scossi. Non voleva svegliarsi. Mormorava: - Lasciami dormire, sto sognando di mangiare un pezzo di manzo lesso con i sottaceti.
Quando finalmente si fu svegliato e capì di cosa si trattava, spaccò la cassa con un pugno, e con un altro pugno aprì un barattolo di polvere di piselli e banchettammo.